euro calcio eurocalcio news
euro calcio
I miti del passato: I calciatori che hanno fatto la storia.
I campioni di oggi: I calciatori che faranno la storia.
Specials
Link sui migliori siti web del calcio.
La storia dei mondiali di calcio.
Forum: Per discutere su qualsiasi argomento in modo asincrono.
Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter gratuita di Eurocalcio News. 

Consiglialo ai tuoi amici
articoli di calcio
Gigi Riva  Gigi Riva
Rombo di tuono
Gianni Rivera  Gianni Rivera
Golden Boy
Bora Milutinovic  Bora Milutinovic
L'allenatore giramondo
Ronaldo  Ronaldo
Il fenomeno venuto dal Brasile
Italia-Germania 4-3  Italia-Germania 4-3
La partita del secolo
Gerd Muller  Gerd Muller
Bomber di razza
Johan Neeskens  Johan Neeskens
Giocatore universale
Emilio Butragueno  Emilio Butragueno
El Buitre
Mark Viduka  Mark Viduka
Gigante australiano
Kily Gonzales  Kily Gonzales
Gioiello del Valencia
Rivaldo  Rivaldo
Campione predestinato
Johan Cruyff  Johan Cruyff
Talento fuori del comune
Il grande Torino  Il grande Torino
Superga, tragedia ancora viva
Bobby Charlton  Bobby Charlton
Dribbling, gol e fair play
Just Fontaine  Just Fontaine
Il Signor 13 reti
Gabriel Batistuta  Gabriel Batistuta
Il re Leone
Eric Cantona  Eric Cantona
The King
Chilavert  Chilavert
Il portiere goleador
George Best  George Best
Talento irlandese
Qualificazioni mondiali  Qualificazioni mondiali
Korea-Giappone 2002
L'inossidabile Trap  L'inossidabile Trap
L'allenatore più amato d'Italia
la favola del Calais  la favola del Calais
la classe operaia va in paradiso
Garrincha  Garrincha
Il genio del Brasile
L'origine delle Coppe  L'origine delle Coppe
Breve storia delle coppe europee
<b> Marco Van Basten </b>  Marco Van Basten
La classe e la perfezione
20 Campioni per un secolo  20 Campioni per un secolo
I migliori calciatori del 900
Il grandeReal Madrid  Il grandeReal Madrid
Nel mito del calcio
Pallone d'oro  Pallone d'oro
Il sogno dei campioni
Alex Del Piero  Alex Del Piero
Fenomeno Vero
La tattica nel calcio del 900  La tattica nel calcio del 900
L'evoluzione del modulo di gioco
Diego Armando Maradona  Diego Armando Maradona
genio e sregolatezza

[segue]...

euro calcio

1962 1962
Cile
In Cile si assiste ad uno spettacolo modesto, se paragonato ai mondiali precedenti in Svezia.
Questo non solo per il numero di goals (inferiore a quelli realizzati nel torneo precedente), ma anche per lo spettacolo offerto dalle squadre sul campo.
Inoltre, durante tutta la manifestazione, non c'è una squadra che colpisca l'osservatore in modo particolare, regna l'equilibrio e la paura di perdere che blocca la fantasia e l'aggressività.
Si impone ancora il Brasile, che pur orfano di Pelè (O' Rey è infatti infortunato) prevale sugli avversari grazie ad un gioco lineare, intelligente e concreto.
Le rivali più accreditate alla vigilia erano l'Urss e la Cecoslovacchia, mentre i cileni e gli uruguagu si distingueranno per il calcio violento che praticano.
Solo la Spagna di Herrera lascia intravedere sprazzi di bel gioco, eppure i fuoriclasse non mancano: Sivori, Suarez, Ivanov, Moore e molti altri avevano nutrito le speranze degli appasionati di poter assistere ad uno spettacolo eccelso.
Dicevamo della cattiveria di alcune squadre: in questi mondiali fioccano ammonizioni, espulsioni e infortunati (tra cui il già citato Pelè), è ovvio che il bel gioco ne risenta!
Per quanto riguarda la nazonale italiana, la spedizione è ancora una volta fallimentare: il clima ci è apertamente ostile per via di un servizio giornalistico che rivela la situazione del Cile, raccontando in maniera veritiera la condizione del popolo sotto dittatura.
Allo stadio, perciò, ci subissano di fischi, la campagna stampa del regime si accanisce su tutto ciò che è italiano, avvelenando l'ambiente.
I frutti li raccogliamo nella sfida contro i padroni di casa: una partita che passerà alla storia per l'arbitraggio condizionato in maniera vergognosa, con i cileni che picchiano e gli azzurri che vengono espulsi.
Perdiamo 2 a 0 e usciamo dal torneo in maniera discutibile.
Ai quart di finale arrivano le migliori, con l'eccezione di Spagna e Italia (gli iberici erano in un girone di ferro con Brasile e Cecoslovacchia).
Questi gli abbinamenti:

Quarti di Finale
Cile-Urss 2-1
Jugoslavia-Germania 1-0
Brasile-Inghilterra 3-1
Cecoslovacchia-Ungheria 1-0
Dopo i quarti di finale crescono dunque le quotazioni del Brasile, ma fanno paura le squadre dei picchiatori (in particolare il Cile tutelato anche dagli arbitri).
Ma nulla possono i cileni contro i campioni brasiliani (seppur privi di Pelè sono comunque una squadra da sogno) che si impongono per 4 a 2 e vanno a raggiungere in finale la Cecoslovacchia, che si è sbarazzata agevolmente della Jugoslavia (3-1).
Così, mentre il Cile si aggiudicava la terza piazza, a Santiago andava in scena la finalissima.
La partita offre una sola emozione, quando Masopust realizza il goal del vantaggio per i cechi dopo appena un quarto d'ora: il pubblico (per la maggior parte brasiliano) ammutolisce.
Ma bastano appena 2 minuti perchè Amarildo (il sostituto di Pelè) riporti l'incontro in parità.
La Cecoslovacchia continua a tenere bene il campo, ma il Brasile è tecnicamente superiore e non si fa intimidire.
Il portiere cecoslovacco diviene protagonista, suo malgrado, della finale mettendo lo zampino sul secondo goal brasiliano e regalando la terza rete.
Il 17 giugno 1972 il Brasile è di nuovo sul tetto del Mondo.


Sono presenti 5 commenti a questo articolo.
lascia un commento su 1962 CileLascia un commento
Mostra i commenti lasciati da altri utenti su 1962 CileMostra i commenti
Stampa articolo 1962 CileStampa questo articolo